Geox Nordplus, la collezione di giubbotti per il freddo estremo

Geox Nordplus, la collezione di giubbotti per il freddo estremo

È stata presentata in anteprima assoluta all’89 edizione di Pitti Immagine Uomo a Firenze la collezione Nordplus autunno inverno 2016/17 firmata Geox. Una collezione di capispalla top selection pensata per Lui e Lei e dotati di straordinari livelli di protezione contro il freddo estremo.
Piumino Nordplus Geox 2016/17
La collezione Nordplus prende spunto dai paesaggi delle grandi capitali del Nord molto spesso innevate e immerse nel gelo più profondo, in cui i ritmi cittadini non vengono sovvertiti nemmeno da condizioni atmosferiche estreme.

Questa collezione segna il debutto del marchio italiano nel segmento high-end outwear technology, vista l’elevata tecnologia in fatto di isolamento, ventilazione e traspirazione di cui tutti i capi sono dotati.

Ogni giacca assicura il massimo del comfort e della libertà di movimento senza compromettere la funzionalità e l’eleganza dei capi. Capi versatili e facili da indossare, non solo per le giornate all’aria aperta ma anche per tutte le altre attività della giornata, suddivise tra lavoro e spostamenti all’aria aperta.

Giubbotto Geox Nordplus inverno 2016/17 Ogni capo è dotato di inserti in piuma d’oca, chiusure veloci, pratiche multi tasca e scalda collo removibili, tanti elementi che vanno ad unirsi a tessuti tecnici termoregolanti e traspiranti e che conferiscono il massimo della funzionalità e della performance.

Tutti i tessuti impiegati provengono da produttori italiani e sono di altissima qualità, come la flanella biellese di Vitale Barberis Canonico che acquisisce un carattere tecnologico grazie all’accoppiamento con una membrana poliuretanica oppure il mistolana con trattamento bioceramico di TG e poi ancora il soft shell a tre strati studiato da GB tessile.

Il cuore della collezione Nordplus risiede nel nuovo sistema di traspirazione dinamica Aerantis, che con l’ausilio del body mapping produce un’analisi termografica del corpo riuscendo a mappare le zone del corpo più calde e a rischio surriscaldamento contro quelle a maggior necessità di protezione termica.

NESSUN COMMENTO

Scrivi un commento