Il marchio Aquascutum diventa un po’ italiano

Il marchio Aquascutum diventa un po’ italiano

La partnership tra il marchio Aquascutum e la italiana Ittierre S.p.A. conferma ancora una volta,la stima che il nostro paese continua ad avere a livello internazionale nel campo nella confezione tessile.  Aquascutum logo L’ accordo, da poco siglato, prevede la produzione e la distribuzione su licenza da parte di Ittierre delle collezioni pret-a-porter e accessori per lui e lei 2012-2013 in Europa, Russia e Medio Oriente del marchio britannico.

Il brand Aquascutum, letteralmente scudo per la pioggia in latino, nato nel 1851 nel Northamptonshire, compie quest’anno i 160 anni di vita e la sua storia affonda le radici nelle lontane guerre di assedio di Sebastopoli, quando gli impermeabili Aquascutum erano indossati dall’esercito britannico. Impermeabile Aquascutum La sua linea militare ebbe così tanto successo che il marchio cominciò ad allargare le sue proposte per giungere nel 1914 ad introdurre la linea donna. Per quanto riguarda invece la molisana Ittierre, l’anno che si sta chiudendo l’ha vista stringere accordi produttivi non solo per Aquascutum ma anche con Fiorucci per la sua linea swimwear, per la linea pret-a-porter di Karl Lagerfeld e la seconda linea di Balmain. Questi  accordi e la particolare longevità della casa di produzione tessile molisana, sanciscono ancora una volta la stima che la produzione Made in Italy possiede a livello internazionale. In particolare, la Ittierre vedrà chiudere l’anno 2011 con un fatturato di circa 150milioni di euro e a prevedere di superare i 200 nel 2012.

NESSUN COMMENTO

Scrivi un commento