La fluidità del colore, sfilata Thomas Tait PE 2012 London Fashion Week

La fluidità del colore, sfilata Thomas Tait PE 2012 London Fashion Week

Thomas Tait a primo sguardo potrebbe apparire come un adepto del culto di Cristobal Balanciaga, e la serie di cappotti puliti e discreti che hanno aperto la sua sfilata lo confermerebbero, ma Tait non è solo un bravo designer cosciente della storia della moda, e nelle uscite seguenti mostra a tutti di possedere un forte spirito personale lasciandolo sbocciare in questa collezione primavera estate 2012 e lasciandosi cullare dalle lusinghe del colore.

Tait ama la sperimentazione e la tecnologia, e per questa collezione ha adottato tessuti che fanno strizzare gli occhi e domandare cosa si stia guardando: una maglia plissettata con una stampa chiara e una sovrapposizione di fogli colorati. Con le parole del designer: “Basically, the best way to see it is with colored lights, I like that people aren’t safe with what color it is. It’s more fluid.”

Nella collezione è avvenuto l’incontro tra molti mondi differenti, dalla sportività alle divise monastiche, il tutto abbinato a delle goffe scarpe da ginnastica e agli immancabili occhiali da sole appoggiati sulla punta del naso. Ci sono state anche un paio di giacche biker, indossate con i pantaloncini.


photos/foto: Style.com

NESSUN COMMENTO

Scrivi un commento